INFORMATIVA COOKIE

I cookies permettono il miglioramento dei servizi di questo blog e ottimizzano l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies di questo sito web. Approfondisci in: Privacy & Cookie Policy. Se vuoi continuare la navigazione acconsentendo all'uso dei cookies clicca sul bottone:

Stampa
Categoria: Varie

Apporti solari in estate e in invernoGli antichi avevano capito come sfruttare il sole meglio di noi!

Per ridurre il fabbisogno di energia necessaria per riscaldare e raffrescare un edificio è necessario controllare la radiazione solare sulle finestre e portefinestre di un edificio. La corretta progettazione dell’involucro e l'utilizzo di opportune schermature può contribuire al mantenimento di condizioni ottimali di comfort termico e luminoso, riducendo i consumi energetici, sia in inverno che in estate.

Avrai certamente notato quella sensazione di tepore avvicinandoti alla finestra all'inizio di primavera. Grazie all'effetto serra le radiazioni solari passano attraverso il vetro e la componente del calore resta intrappolata all'interno dell'ambiente. Se questa situazione è molto piacevole all'inizio della primavera, non lo è affatto nei mesi caldissimi, tipo luglio e agosto.

Ma avrai anche certamente verificato che, malgrado l'aria condizionata, è impossibile sostare dietro un vetro nei mesi estivi. L'ambiente stesso è molto più difficile da rinfrescare. Una delle soluzioni più usate è quella di chiudere la tenda. Ma siamo sicuri che sia la misura più efficiente?

 

Un sistema molto comune di ombreggiamento

La tenda interna in effetti non è la trovata più geniale. Diciamo che è pratica sotto certi punti di vista, in quanto è più facile da manovrare, è molto economica (rispetto ad una tenda esterna da sole) o a sistemi complessi, non si sporca tanto spesso, consente una certa privacy. In più, per la gioia di tutte le donne (me compresa) arreda!

Se ci pensi, però, ciò non aiuta a diminuire l'effetto serra, che troviamo ugualmente d'estate anche utilizzando le tende, in quanto l'unico beneficio che si ottiene è quello di diminuire la luce nell'ambiente. L'apporto solare quindi, d'estate è poco gradito. Devo spendere ancora più soldi per un raffrescamento adeguato dell'ambiente.

Anzi la tenda stessa in qualche modo, se colorata, assorbe maggiormente le radiazioni solari e in particolare la componente “calore”, che poi dissipa nell'ambiente interno più lentamente. Una tenda da sole esterna già assolve molto meglio a questa funzione. Ma non è di questo che voglio parlare.

D'inverno l'apporto solare, che sarebbe anche gradito, è molto flebile perché la radiazione è piuttosto scarsa. Ovviamente ci stiamo riferendo alle nostre latitudini, lo stesso discorso non vale evidentemente all'Equatore.

Facciamo un piccolo passo indietro e vediamo...

 

In generale cos'è un sistema di ombreggiamento?

Un sistema di ombreggiamento o di protezione solare è l'insieme di tutti quei dispositivi che consentono di regolare il flusso della radiazione solare per determinare:

In generale si possono distinguere tre tipologie di protezione solare:

  1. sistemi filtranti (come ad esempio tende)
  2. sistemi schermanti (come ad esempio sistemi a lamelle)
  3. sistemi oscuranti (ad esempio tapparelle)

Ti starai chiedendo, se sei arrivato a leggere fin qui, se esistono sistemi più moderni, ma soprattutto perché nel titolo ho scritto che gli antichi erano più bravi di noi a sfruttare il sole...

 

Voglio raccontarti prima un aneddoto...

Di recente sono stata in visita a Matera, per vedere i Sassi. È un posto bellissimo che ti consiglio assolutamente di visitare, se non lo hai già fatto. Ti parlo della mia visita a Matera non per segnalarti un monumento o qualcosa di particolare, ma perché mi ha colpito moltissimo il senso pratico dei nostri antenati, che avevano capito, senza ausilio di computer o di altri strumenti moderni di calcolo, l'importanza di costruire in un certo modo per sfruttare al massimo quello che la natura offre gratis.

Sezione di Sasso di MateraI Sassi sono delle abitazioni molto umide, ricavate nella roccia. Lungi da me, quindi, volerle prendere ad esempio come forma di case a risparmio energetico! Nel visitare però le diverse abitazioni aperte al pubblico, a mano a mano che procedevo nel percorso, mi sono accorta di una cosa: quasi sempre ogni abitazione ha una prima stanza, piuttosto ampia, a livello strada, e delle stanze successive che si addentrano nella roccia, ma non sullo stesso livello, bensì più in profondità. Ho fatto un disegno per rendere l'idea della sezione di queste abitazioni.

In pratica ci sono due o anche tre stanze in successione, collegate da una scala, che scendono in profondità. Visitando anche le zona delle chiese rupestri, ho notato la stessa cosa.

 

Ma perché ti sto raccontando questo? Cosa c'entra con l'irraggiamento solare?

Il motivo è il seguente, e lo puoi capire meglio osservando la figure sotto riportate. Gli abitanti di queste case sfruttavano al massimo gli apporti solari. D'inverno, infatti, l'inclinazione dei raggi solari è maggiore, per cui prolungando la casa non sul piano verticale, ma proseguendo la normale direzione dei raggi solari, si riusciva a riscaldare naturalmente tutta la casa. D'estate, il sole è più alto, e le stanze più profonde restano più fresche.

Apporto della radiazione solare in invernoApporto della radiazione solare in estate

 

Morale della favola:

 

Devi chiedere al tuo progettista di farti una casa tipo Sasso di Matera?

Certo che no! Sia chiaro, stiamo parlando di questo non per esaltare il ritorno alla vita in caverna, ma solo per far notare come il buon senso ed un'acuta osservazione è spesso molto più efficace di strumenti moderni e metodi di calcolo avanzatissimi.

Non voglio fare in questo articolo una carrellata di tutti i sistemi di ombreggiamento, con i loro pro e contro. Magari tratteremo questi argomenti più avanti.

Voglio per ora solo farti pensare che, in condizioni determinate, dipendenti dall'esposizione e da altri fattori, è possibile sfruttare meglio certe risorse naturali, gratis, e regolare gli apporti di calore invernale ed estivo, migliorando l'efficienza termica del riscaldamento e del condizionamento.

 

Le scelte che riguardano la geometria di una chiusura trasparente, le proprietà ottiche e il fattore solare del vetro e la previsione di schermature sono tutti elementi fondamentali di progettazione del controllo solare.

L’inclinazione e l’orientamento di una superficie, il dimensionamento delle aperture trasparenti e la scelta del vetro dovrebbero essere fatte consapevolmente, valutando le condizioni climatiche della zona e considerando l’andamento dell’irraggiamento nell’arco dell’anno.

 

Per arrivare al massimo confort abitativo e ad una riduzione intelligente dei costi, è fondamentale ottenere il maggior sfruttamento degli apporti solari in inverno senza determinare eccessivi carichi termici in estate.

 

È tutto chiaro su come ottenere ombreggiamento gratis?

In estrema sintesi quello che voglio farti capire è che una casa a basso consumo di oggi deve sfruttare il più possibile quello che la natura mette a disposizione. Il sole è la prima fonte, e grazie anche alla rotazione terrestre e al cambio di stagione (quindi all'incidenza dei raggi solari) possiamo sfruttare a nostro vantaggio certe situazioni.

È sempre così banale? Se pensi di si, fai pure un giro a piedi nel tuo quartiere ed osserva le case. Quante sono state concepite in questo modo? La risposta la lascio a te...

 

PS: aiutami a condividi questo articolo con amici e colleghi, ma soprattutto iscriviti alla newsletter per avere molte più informazioni sui temi del risparmio energetico e dell'architettura.