Ho ricevuto un commento ad uno dei tanti articoli di questo blog. Lo riporto integralmente qui sotto: 

"Buonasera,

mi piacerebbe chiederLe un consiglio sulla tipologia (interna o esterna) di isolamento della mia abitazione. Si tratta di una villa in collina (600 mt slm) di 3 piani (il primo pero è per la metà interrato) molto esposta ed abbastanza ventosa, costruita circa 10 anni fa.

Purtroppo l'ingegnere che la progettò non solo non pensò ad isolarla con un cappotto ma non ha pensato neanche a predisporre per il cappotto stesso...

Risultato: dovrei rifare tutte la soglie e scardinare anche tutte le grate blindate presenti sulle finestre con un costo, credo, importante.

Per questo motivo, visti gli esorbitanti costi del riscaldamento e visto anche un confort termico scarso, stavo pensando ad un isolamento interno, in considerazione del fatto che non ci sono problemi di metratura interna.

Dopo aver letto il suo articolo però inizio ad avere timore del risultato e, dunque...che fare?

Ed inoltre percentualmente quanta differenza c'è tra un cappotto esterno ed uno interno?"

                                                                                                                                (Franco)

 

La mia risposta è raccolta in questo video-post.

 

 

 

Spero che il video ti sia piaciuto, ma soprattutto che possa essere stato utile anche a te, non solo a Franco. 

È infatti il mio primo video, e non essendo molto esperta con la telecamera, probabilmente avrei potuto far meglio.

 

PS: Aiutami a condividere questo post, se ti è piaciuto o l'hai trovato utile, e aggiungi un tuo commento qui sotto! Grazie

 

 

Commenti   

0 # Simone 2016-04-04 13:05
Buongiorno, vorrei sapere secondo la sua esperienza quale sia il sistema migliore per riqualificare un appartamento facente parte di un edificio composto da 4 unità immobiliari con pareti a mattoncini facciavista e supponendo tutti i condomini d'accordo per la riqualificazione, comunque quale sia la soluzione migliore per edifici con mattoni a facciavista.
Grazie,
Simone Cerri
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Laura Coppo 2016-05-07 11:57
Buongiorno Simone,

su edifici con rivestimento faccia a vista bisogna intervenire come in tutti gli altri casi, cioè partendo dallo studio di tutto l'edificio , delle sue geometrie e problematiche, non solo da un elemento di esso, "il facciavista".

Ho visto interventi di diverso tipo su edifici rivestiti e la scelta del tipo di intervento dipende molto dal budget di cui si dispone. Tipicamente, ma non è la regola, si interviene preferibilmente dall'interno.

saluti. Laura
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento

A causa dello spam (in particolare pubblicità di offerte di finanziamenti) l'amministratore del blog ha introdotto la moderazione dei commenti.

L'amministratore del blog, inoltre, si riserva la facoltà di non pubblicare o rimuovere a proprio insindacabile giudizio qualsiasi commento che:
- sia illecito, diffamatorio, razzista o calunnioso
- utilizzi impropriamente il mezzo per promuovere o pubblicizzare attività o prodotti commerciali


Codice di sicurezza
Aggiorna