so cosa e a chi chiedere per verificare la bontà dei lavori eseguiti?Hai una casa degli anni ’70 e hai deciso di riqualificare il tuo immobile? Vuoi apportare delle migliorie in modo da viverci meglio e, perché no, per far si che casa tua sia appetibile per eventuali compratori? Se vuoi spendere al meglio i tuoi soldi in una ristrutturazione, devi dare un valore aggiunto al tuo progetto.

Hai pensato di acquistare una casa ristrutturata, o magari anche nuova, ma non sai se fidarti dei lavori eseguiti. Con tutto quello che si sente in giro...

Oppure credi che tutte le ristrutturazioni siano uguali? Prima di avventurarti in spese che non ti porteranno da nessuna parte, poniti innanzitutto una domanda: "so cosa e a chi chiedere per verificare la bontà dei lavori eseguiti?"

Sembrerà assurdo, ma queste sono le principali domande che dovrebbero porsi i proprietari che vogliono ristrutturare la propria abitazione, ma anche i potenziali acquirenti quando si trovano a valutare l’acquisto di un immobile ristrutturato. E invece spesso e volentieri l'attenzione va erroneamente solo al prezzo (chi fa il preventivo più basso porta a casa il contratto!) o nella migliore delle ipotesi alle finiture all'ultima moda.

 

Oltretutto è proprio questo il momento per procedere ad una ristrutturazione pesante, grazie alla proroga degli incentivi fiscali per tutto il 2014!

 

La parola “ristrutturazione” racchiude in sé diversi livelli di trasformazione dell’immobile: può andare dalla semplice “rinfrescata”, applicando un pavimento in laminato flottante sulla vecchia palladiana e dando una mano di bianco alle pareti, ma può anche voler dire rifare gli impianti (idraulico ed elettrico), o cambiare infissi e porte interne. Si può anche arrivare ad una completa trasformazione del vecchio immobile, intervenendo sulle strutture, sugli impianti, sui serramenti e su tutte le finiture interne. Magari si decide anche di implementare nuovi impianti tipo il fotovoltaico o il geotermico.

La ristrutturazione concepita come risanamento energetico è quella che dà maggiori risultati e garanzie: possiamo arrivare ad avere un edifico completamente diverso da quello di partenza, più moderno, energeticamente meno dispendioso, più confortevole. Insomma, qualcosa di davvero nuovo anche concettualmente.

 

Come posso sapere se una ristrutturazione corrisponde ad un risanamento energetico?

Si trovano in questo campo molti termini simili ma che hanno significati, di fatto, molto diversi.

  • Isolare non significa risanare.
  • Mettere un cappotto non vuol dire riqualificare.
  • Ristrutturazione non equivale a riqualificazione globale.

Questa non è una lezione di semantica, ovvio. Quello che qui conta è offrire delle informazioni che siano utili per il proprietario, che i lavori li deve fare, o per l’acquirente, che i lavori li deve valutare. La complessità e l’unicità di un edificio rispetto ad un altro, richiedono sia la capacità di valutare le singole situazioni, sia di mettere in atto soluzioni specifiche.

 

Un edificio risulta riqualificato quando gli interventi a cui viene sottoposto sono svolti in sinergia sulle diverse componenti dell’edificio, sulla base di un obiettivo energetico finale, difficilmente standardizzabile. 

 

Ogni edificio è unico e le parti dell'edificio sulle quali si interviene non vengono trattate singolarmente, ma come parti integranti di un unico sistema, il sistema edificio, appunto.

Così gli interventi sulle murature esterne o il tetto, che fanno parte dell’involucro edilizio, verranno progettati tenendo conto di quello che richiede la normativa, ma anche considerando il miglioramento che si vuole ottenere.

Sulla base del tipo di intervento deciso a livello di involucro, si potrà decidere quali modifiche apportare all’impianto termico e, magari, anche la fonte energetica più adatta. A volte le modifiche possono rivoluzionare tutto, fino ad ottenere un edificio completamente diverso, energeticamente risanato e più confortevole per chi lo vive.

 

Vuoi un esempio?

Se la soluzione scelta per migliorare le prestazioni energetiche delle pareti esterne è, ad esempio, l’isolamento dall’interno (soluzione che viene scelta in certi casi particolari), dovendo garantire le migliori condizioni interne di temperatura e umidità, verrà da sé valutare l’installazione di un impianto di ventilazione meccanica controllata. Essendo quest’ultimo un impianto dotato di un recuperatore di calore, grazie al quale parte del calore presente nell’aria interna non verrà perso nonostante il costante ricambio d’aria, dovrà essere studiata contemporaneamente la soluzione più adatta per l’impianto di riscaldamento e per l’approvvigionamento energetico.

Non si procede quindi a caso e neanche “pensando la soluzione in cantiere”, ma sulla base di una corretta progettazione vengono fatte scelte che lavorano in sinergia, perché l’edificio funzioni al meglio e il risparmio nei consumi sia effettivo (e non solo dichiarato).

 

Come valutare la bontà di una ristrutturazione: cos’è un sigillo di qualità?

Certificazione CasaClimaDall'inizio del 2013 è stato presentato il nuovo protocollo CasaClima R. Questo sigillo di qualità viene assegnato solo agli edifici che usufruiscono dei lavori sostanziali di trasformazione dell’immobile, tali da portare un risanamento globale.

A seguito di interventi sia sull’involucro che a livello impiantistico, l’immobile risulterà riqualificato, sotto diversi punti di vista: delle strutture, dei serramenti, degli isolamenti, della qualità dell’aria interna, della vivibilità.

Con l'attestato di qualità CasaClima R, in buona sostanza, si:

  • valuta la qualità degli interventi eseguiti
  • attesta un miglioramento energetico
  • garantisce la diminuzione dei costi energetici
  • valuta la salubrità dell’aria e l’igiene ambientale

Tale certificato può venire assegnata sia ad interi edifici, che al singolo appartamento; viene richiesto prima dell’inizio dei lavori e segue un protocollo di CasaClima semplificato rispetto alle certificazioni sugli edifici di nuova costruzione, perché tiene conto delle maggiori difficoltà ad eseguire una riqualificazione su un edificio esistente piuttosto che sulla progettazione di un edificio nuovo.

Infatti l’edificio esistente ha in sé i limiti dati dallo stato di fatto: orientamento, qualità delle strutture, forma dell’edificio, vincoli esistenti, apporti solari sono tutti predefiniti, perché esistenti e non modificabili al momento in cui si decide di procedere alla riqualificazione.

Scegliere di richiedere una attestato CasaClima R per il proprio edificio o appartamento, significa portare un messaggio:

 

“qui abbiamo lavorato bene”

 

La risoluzione dei ponti termici e la scelta di adottare prodotti e sistemi certificati, sono i capisaldi del lavoro di progettazione: la realizzazione in opera avviene secondo le scelte di progetto, depositate preventivamente presso l’Ente, e controllate e monitorate anche durante la fase di cantiere. L’intero processo, dal progetto alla realizzazione, viene sottoposto ad uno stretto controllo in modo che si riducano a zero le ‘modifiche in opera’ e il risultato finale sia il più rispondente possibile alle previsioni progettuali iniziali.

Il valore dell'immobile cresce nel tempoChi sceglie la certificazione R può prevedere con maggior certezza sia i costi dell’intervento che la bontà del risultato finale; chi compra un edificio o appartamento ristrutturato e dotato di certificato R potrà essere sicuro del fatto che tutto l’iter dei lavori è stato:

  • valutato con attenzione e improntato ad obiettivi di risanamento di qualità
  • depositato presso un Ente certificatore e controllato da certificatori diversi dal progettista.

Questo tipo di certificazione può davvero far aumentare il valore del tuo immobile sul mercato, perché non è solo un pezzo di carta firmato dal collega del progettista, come avviene solitamente per le certificazioni nazionali (APE - attestato prestazione energetica), ma come su detto, è il risultato effettivo di un lavoro svolto a monte per migliorare davvero l'efficienza energetica ed il comfort dell'edificio.

 

PS: Aiutami a condividere questo post, se ti è piaciuto o l'hai trovato utile, e aggiungi un tuo commento qui sotto! Occhiolino

Grazie

 

 

Aggiungi commento

A causa dello spam (in particolare pubblicità di offerte di finanziamenti) l'amministratore del blog ha introdotto la moderazione dei commenti.

L'amministratore del blog, inoltre, si riserva la facoltà di non pubblicare o rimuovere a proprio insindacabile giudizio qualsiasi commento che:
- sia illecito, diffamatorio, razzista o calunnioso
- utilizzi impropriamente il mezzo per promuovere o pubblicizzare attività o prodotti commerciali


Codice di sicurezza
Aggiorna